venerdì 12 agosto 2011

INSOMNIA

Il mio tempo è finito
il mio tempo gira attorno a se stesso
si avvita
e si incrina
si riforma tale e quale
e diverso


il mio tempo scorre
veloce
lento
instancabile
pieno di polvere


e se a volta lo guardo
senza parole
contando le ore
al sorgere del sole
è perchè è come se non vivessi - incastrata
dentro il turbinio di un vento fermo
e bollente.



lunedì 2 maggio 2011

A che serve svegliarsi se fuori piove?

Nella nebbia del mattino
s'erge quasi a giudice la pioggia
scolorando via ogni più piccolo fiore
ogni insettucolo aggrappato al suo filo d'erba
ogni più piccola lumaca
nascosta sotto terra.
Piove forte,
piove impetuosamente,
piove senza fermarsi mai,
l'acqua grigia e calda
del cielo

insistente e caparbia
amica della mia mattina
che contemplo attraverso un vetro rigato,
una finestra semiaperta,
uno spiraglio denso di odori
di terra bagnata
di cieli antichi e pesanti
di lontano sogni dimenticati.

Poi l'odore del caffè satura il letto
e la magia scompare
il sogno torna prepotente e il ronfare di un gatto
ricopre i sordi tuoni lontani.

sabato 29 gennaio 2011

Ci vogliono i giusti colori

Se un giorno dovessi risvegliarmi
e sapere che il cielo e il mare
hanno deciso di mischiarsi
di innondare la terra e l'erba
cancellando ogni cosa,
saprei che fare
perché l'anima mia si mescolerebbe a loro
si infischierebbe del vento
e salirebbe ad altitudini inimmaginabili!

Riuscirei a cogliere la luna
dentro al sole
e perderei i miei pensieri
dietro al rumore del temporale!
Sarei dentro la notte
visto che il giorno è in me
e vedrei nella pietra
avendo il cuore pieno di terra.

Sono anima e corpo
sono aria e silenzio
sono tutto e il nulla...
... inizio e fine non hanno senso.
Solo il divenire
è mio respiro.

sabato 18 dicembre 2010

Un solo ballo ancora

Concedimi questo ballo
straniero misterioso
straniero vestito di nero
straniero che non conosco
dalle mille facce e dalle mille parole
dal volto ombroso
e dagli occhi chiari...
Concedimi queso ballo
e lasciami volare ad altezze
indescrivibili
inimmaginabili
ed irraggiungilbili.
Permettimi di solcare i cieli
con la fantasia
ed accompagnami in questo lungo viaggio
fatto di sogno ed oblio.
Concedimi questo ballo,
straniero che non conosco
solo con me
amico dell'aria
concedimi ancora un solo ballo.

mercoledì 1 dicembre 2010

Dell'ombra e del mare.

Sentieri scoscesi al margine della spiaggia
e onde leggere e fangose
dense dell'acre odore del mare
che riempie l'aria soffocandomi,
rendendomi simile a spuma
come un animale in trappola.


Eppure nelle mie ombre ritrovo
la pesante umanità
che odora di pelle,
di sudore,
di fatica.


Ancora silenziosa notte,
luce chiara di luna
e fascino brillante di stelle
...e ancora bruma densa e pesante
fango misto a sabbia
e lacrime sparse nella mia vita.

(Astasja - novembre 2010)

giovedì 28 ottobre 2010

Io sono e non sono

Percorsi obbligati dell'anima
percorro senza meta.
Dirupi scoscesi e rocce aguzze sullo sfondo
di un mare eterno e senza increspature,
mondi antichi e vani
cieli grigi e pesanti non importano
solo il viaggio conta.
Stelle e pianeti
erba e fango
ghiaccio e sabbia
sono sfondi sempre uguali
sempre diversi
sempre troppo distanti.
Alla fine solo d'acqua ho bisogno.
Solo nell'acqua mi specchio.
Solo così io sono.

lunedì 6 settembre 2010

Anima

Gocce confuse in una giornata
di pioggia,
lusinghe vane
in un mondo fatto d'aria,
in questa composizione
vedo il disegno di un pazzo

i colori di un giullare,
i lontani ricordi di un vecchio.

Senza remore,
senza legami
stillo un'intera esistenza
un libro scritto,
poche pagine sparse...
nessuno mi guarda,
alcuno mi vede,
e io, naturalmente,
non esisto...


... in me,
tu, 
alla fine farai ritorno.